Amore / Cucina,  Amore / Turismo

C’è un concetto di ristorazione alternativa alla base del rinnovato Mog (Mercato Orientale di Genova)

Il Mercato Orientale di Genova è una piacevole tappa sia per i genovesi che per chiunque voglia visitare la città, un luogo da includere in un itinerario turistico completo.

Nel 2017 la notizia che di lì a poco sarebbero iniziati i lavori di ristrutturazione del piano superiore della struttura, creando un vero e proprio food market di impronta internazionale. Genova ha molto da offrire in diversi ambiti e l’apertura del nuovo MOG aumenta ulteriormente l’offerta turistico – gastronomica della città.

 

Il Mercato Orientale di Genova: brevi cenni storici

La storia del MOG è legata alla costruzione della chiesa di Nostra Signora della Consolazione, completata nel 1684. In particolare, l’attuale struttura che ospita il MOG deriva da quello che in origine doveva essere un convento annesso alla chiesa, la cui costruzione, mai terminata, iniziò nel 1699.

La struttura incompiuta, con il passare degli anni, comincia ad ospitare diverse piccole botteghe artigiane. Alla fine del XIX secolo la città inizia ad espandersi rapidamente, subendo un rapido sviluppo edilizio, con la nascita di nuovi quartieri e la costruzione di nuove strade, tra cui la centrale via XX Settembre. Piazza San Domenico, che per secoli ha ospitato il mercato cittadino, viene ricostruita e rinominata Piazza De Ferrari.

Nel 1893 il Comune di Genova decide di trasformare l’antico chiostro del Convento della Consolazione in un vero e proprio mercato. Inaugurato nel 1899 con una grande esposizione floreale, il nuovo mercato viene rinominato Mercato Orientale per sua posizione ad Est rispetto al centro storico e la sua vicinanza alla Porta Orientale della città e, vista la sua posizione centrale, diviene ben presto una delle principali aree commerciali genovesi.

 

Il MOG oggi e i banchi del Mercato Orientale

Con i suoi 600mq di esposizione, il Mercato Orientale di Genova è senza dubbio uno dei luoghi più pittoreschi in cui andare a fare la spesa in centro città a prezzi più che accessibili. Passeggiando tra i banchi del MOG si possono trovare banchi di frutta e verdura, formaggi, pescherie, spezie, legumi, pasta fresca, pane, surgelati e fiori oltre che stoffe e tessuti, tutto per un’esperienza decisamente interessante di colori e profumi. Il Mercato Orientale è inoltre un ottimo luogo per acquistare prodotti tipici liguri come il basilico DOP genovese, il pesto, la focaccia e le acciughe del Mar Ligure.

 

Il nuovo piano rialzato del Mercato Orientale di Genova: la Piazza del Gusto

Il 7 Maggio 2019 è stato inaugurato il nuovo piano rialzato del Mercato Orientale di Genova (la Piazza del Gusto) con una vasta offerta di street food ed un ristorante al primo piano. Il progetto del MOG si è quindi realizzato, andando a creare uno dei principali poli di ristorazione della città.

 

Scoprire la Piazza del Gusto del MOG

Il nuovo MOG apre le porte ad una nuova concezione contemporanea di cucina, food e condivisione. Una Piazza del Gusto in cui 10 food corner, un moderno Bar e un’Osteria gestita da uno Chef Stellato fanno da cornice a una sala che comprende spazi per eventi e intrattenimento, anche dedicati a corsi di cucina per amatori, appassionati e professionisti. I corner gastronomici sono orientati alla tradizione genovese e nazionale, con uno sguardo all’internazionalità: pesto, pizza, pasta fresca, gelato, carne e panini, tacos, crepes e altro ancora. Una location storica e suggestiva nel cuore del Mercato Orientale, una proposta innovativa che proietta Genova nel panorama europeo del market di stile Londinese (Covent Garden) o di Barcellona (Mercat de la Boqueria).

Orari e contatti:

La Piazza del Gusto del MOG è aperta da lunedì a sabato, dalle 10 alle 23 – domenica chiuso.

https://moggenova.it

https://www.visitgenoa.it/mog-mercato-orientale-di-genova

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *