Amore / Turismo

Les Hospices de Beaune: la fondazione ospedaliera, l’edificio, la storia

Les Hospices (o Hôtel-Dieu) è la tra le principali attrazioni della città di Beaune, ed è uno dei più prestigiosi monumenti storici Francesi.

 

Les Hospices de Beaune: un ospedale per i più poveri

Fondazione ospedaliera Medioevale, l’architettura gotica ed i meravigliosi tetti colorati fanno dell’edificio uno dei gioielli della Borgogna.

 

Edificio tardo-gotico, unico nel suo genere e perfettamente conservato, fu costruito nel 1443 da Nicholas Rolin, cancelliere del duca di Borgogna Filippo il Buono, e da sua moglie Guigone di Salins per ospitare un ospedale per i poveri, aumentati in grande misura in seguito ai danni e alla miseria in cui si trovava città di Beaune al termine della Guerra dei Cent’anni

Il complesso fu completato nel 1452 e la sua architettura si ispira ai più importanti Hôtel-Dieu delle Fiandre e di Parigi. Tutt’intorno al cortile, l’organizzazione degli edifici rappresenta la vita di questa istituzione: l’accoglienza dei malati, la cucina con i suoi grandi camini gotici, la farmacia.

Nicolas Rolin utilizzò la sua conoscenza delle istituzioni ospedaliere per fare della struttura un’istituzione capace di sopravvivere nei secoli sotto l’autorità spirituale della Santa Sede, libera da ogni onere, ben amministrata, e dotata di vigneti, poderi e boschi.

Da allora, e fino al ‘900, gli Hospices de Beaune hanno ospitato le Suore Ospedaliere di Santa Marta. Nel 1971 è stato costruito un nuovo ospedale e la parte vecchia dell’Hôtel-Dieu è stata trasformata in un museo.

Il complesso è inoltre noto per il Polittico del Giudizio Universale, capolavoro di Rogier van der Weyden e della pittura fiamminga.

La facciata esterna, relativamente spoglia, contrasta con la ricca decorazione degli interni e dei tetti del cortile d’onore. Il cortile interno, di forma rettangolare, ospita al centro un pozzo che assicurava l’approvvigionamento idrico all’intero ospedale.

 

Les Hospices de Beaune e la viticoltura

Nel 1457 Guillemette Levernier fece il primo dono di vigneti agli Hospices de Beaune, e questa tradizione è continuata per cinque secoli. Oggi la tenuta si estende per circa 60 ettari, di cui 50 dedicati al Pinot Nero e il resto allo Chardonnay, ed è affidata a 22 viticoltori accuratamente selezionati. Ogni anno, la terza domenica di novembre, viene organizzata una vendita all’asta di vini pregiati. Oggi curata dalla casa d’aste Christie’s, si tratta dell’asta di beneficenza legata ai vini più famosa al mondo. Il ricavato delle vendite viene utilizzato per migliorare le attrezzature ospedaliere e per conservazione dell’Hôtel Dieu.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *